Sei in: Storie dai Tropici --> Persiste stato di emergenza alle Fiji ma riprendono i voli
line

Storie dai Tropici

Persiste stato di emergenza alle Fiji ma riprendono i voli

(Suva, Fiji - 3/4/2012)

Cinque vittime, tre ragazzi dispersi, dodicimila persone costrette a cercare rifugio nei centri di evacuazione, strade distrutte, mari in burrasca e turisti bloccati nei villaggi o in aeroporto. Questo il bilancio provvisorio delle inondazioni che nel fine settimana hanno devastato Viti Levu, l'isola più grande e popolosa delle Fiji.

Come se bastasse c'era anche Daphne, un ciclone tropicale che sembrava dovesse dirigersi dritto sull'arcipelago. Per fortuna, invece, i servizi meteo fanno sapere che il ciclone si sta allontanando e che pioggia e venti dovrebbero attenuarsi entro stasera.

Resta comunque in vigore lo stato di emergenza, dichiarato domenica dalle autorità fijiane; le strade sono fiumi in piena, molti ponti distrutti, case e villaggi ancora sott'acqua, il quadro è desolante.
Inoltre c'è grande preoccupazione per il diffondersi di epidemie. Le squadre di soccorso hanno distribuito un gran numero di compresse per la potabilizzazione dell'acqua e operano per il contenimento delle malattie nei centri di evacuazione.
Non è consigliabile mettersi in viaggio, soprattutto nella zona occidentale di Viti Levu, tra Nadi e la Coral Coast.

Invece sta tornando a poco a poco alla normalità l'aeroporto di Nadi, dove parecchi turisti sono ancora in attesa di tornare a casa. Air New Zealand ha sostituito i velivoli di modeste capacità con Boeing 777-300, così da poter trasportare un maggior numero di passeggeri sulla tratta da Nadi ad Aukland. Anche il vettore nazionale, Air Pacific, torna a volare dopo tre giorni di fermo.

Altri dettagli: Fiji Live

Schede PaesiTropicali.com: Fiji


line

     
     
     


Hai un sito o un blog? PaesiTropicali.com ti è piaciuto? allora regalaci un Link
Con il tuo aiuto il nostro portale diventerà sempre più utile e interessante. Grazie.


line line