Sei in: Storie dai Tropici --> L'UNESCO annuncia la creazione di 13 nuove riserve della biosfera
line

Storie dai Tropici

L'UNESCO annuncia la creazione di 13 nuove riserve della biosfera

(Parigi, Francia - 3/6/2010)

L'UNESCO ha iscritto 13 nuovi siti alla rete mondiale delle Riserve della Biosfera, che conta attualmente 564 siti in 109 paesi del mondo. La decisione è stata adottata nel corso della 22esima sessione del Consiglio internazionale di coordinamento, che si svolge in questi giorni presso la sede dell'UNESCO a Parigi.

Tre nuovi siti si trovano in Messico. Uno è la riserva di Naha-Metzabok, che copre la parte settentrionale della foresta Lacandona, nel cuore del Chapas; rientra nei confini del corridoio biologico mesoamericano ed è quindi di estrema rilevanza per la conservazione delle risorse naturali e per l'alto valore culturale della regione.
La seconda riserva appena iscritta alla rete è Los Volcanes, un'area di grande richiamo turistico che comprende il Popocatépetl, uno dei vulcani attivi più imponenti del pianeta. La zona, considerata un vivaio di specie endemiche, è interessata da diversi progetti di riforestazione che dovrebbero coinvolgere la popolazione locale.
La terza è Islas Marías, un arcipelago che si trova al largo delle coste pacifiche del Messico centrale, un concentrato di biodiversità sviluppato in otto milioni di anni di isolamento. Sono in corso progetti di rimboschimento e gestione sostenibile dell'area, mirati tra l'altro alla riabilitazione dei detenuti di Isla Maria Madre, sede di un penitenziario federale.

Rimanendo in America Latina, è stata riconosciuta Riserva della Biosfera Isla Ometepe, un'isola di ben 270 chilometri quadrati situata all'interno del lago Cocibolca, il più grande bacino d'acqua dolce del Nicaragua. Il lago ospita un'ampia varietà di specie autoctone tra cui lo squalo d'acqua dolce del Nicaragua. Le comunità dell'isola, che conserva ricche vestigia precolombiane, si dedicano all'agricoltura e all'ecoturismo.

Oxapampa-Ashaninka-Yanesha è l'altra importante riserva appena iscritta in centroamerica. Si trova nell'Amazzonia peruviana, in una regione, quella di Pasco, sottoposta a forti pressioni dovute all'attività antropica. La creazione dell'area protetta dovrebbe contribuire a preservare le culture indigene Yanesha e Ashaninka, promuovere iniziative di sviluppo sostenibile anche attraverso attività ecoturistiche.

Nel continente africano sono stati iscritti due nuovi siti in Etiopia e uno in Zimbabwe.
Con la riserva di Kafa e quella di Yayu, entrambe nel sud-ovest dell'Etiopia, s'intende proteggere le ultime foreste naturali di caffè arabica selvatico, attraverso metodi di silvicoltura sostenibili che puntano a migliorare le condizioni di vita della popolazione locale.
In Zimbabwe si aggiungono al Mana Pools National Park, già dichiarato patrimonio mondiale dall'UNESCO, 40.000 chilometri quadrati di ecosistemi fluviali e terrestri nella valle dello Zambesi.
Il Consiglio ha poi approvato le richieste di estendere i confini di cinque importanti riserve già inserite nella rete mondiale, tra cui l'Araucarias del Cile, che fa parte della catena vulcanica delle Ande meridionali, e la Cordillera Central Volcánica del Costa Rica, che con l'ampliamento dell'area comprende ora anche la capitale San Jose.
Il progetto prevede una migliore gestione di una delle regioni più ricche del paese, per risorse naturali e patrimonio culturale.
Altre riserve sono state create in Iran, Corea del Sud, Slovenia, Svezia e Polonia.

Altri dettagli su: unesco.org


line

     
     
     


Hai un sito o un blog? PaesiTropicali.com ti è piaciuto? allora regalaci un Link
Con il tuo aiuto il nostro portale diventerà sempre più utile e interessante. Grazie.


line line