Sei in: Storie dai Tropici --> Zimbabwe: giovane donna sbranata da un leone in un rifugio per gli animali selvatici
line

Storie dai Tropici

Zimbabwe: giovane donna sbranata da un leone in un rifugio per gli animali selvatici

(Harare, Zimbabwe - 4/6/2010)

Un leone ha sbranato una donna nel Chipangali Wildlife Orphanage, un centro di riabilitazione per animali selvatici nello Zimbabwe occidentale.
La vittima, Robyn Lotz, una volontaria sudafricana di 26 anni, è stata trasportata in ospedale dove è morta poco dopo per le gravi ferite riportate.

Il tragico incidente, il primo nella storia del santuario che da trent'anni dà asilo a felini e ad altri animali selvatici rimasti orfani o feriti, si è verificato durante le operazioni di pulizia delle gabbie.
Un operatore del rifugio non aveva bloccato un cancello e il leone, un maschio adulto dalla criniera nera di nome Lobi, è sfuggito dal settore dove vengono trasferiti gli animali in attesa che le loro gabbie siano pulite e rifornite d'erba fresca.
L'attacco è stato fulmineo: il felino ha afferrato la volontaria al collo e prima che il direttore del centro, Kevin Wilson, potesse intervenire e sparare all'animale, il leone aveva già inferto alla donna ferite mortali.

Robyn Lotz era da anni una sostenitrice del Chipangali Wildlife Orphanage, uno dei centri di riabilitazione più grandi dell'Africa; qui trovano rifugio animali selvatici che hanno scarse possibilità di sopravvivere in natura, perché malati, feriti o nati in cattività e poi abbandonati.
In qualche caso, gli individui completamente riabilitati vengono rilasciati nel loro habitat naturale. Quando invece l'operazione di rilascio non è possibile, gli animali vengono curati e tenuti all'interno del centro per fini didattici e di studio.

Altri dettagli su: The Zimbabwean


line

     
     
     


Hai un sito o un blog? PaesiTropicali.com ti è piaciuto? allora regalaci un Link
Con il tuo aiuto il nostro portale diventerà sempre più utile e interessante. Grazie.


line line