Sei in: Storie dai Tropici --> Inondazioni in Kenya: 6 morti e 600 turisti evacuati
line

Storie dai Tropici

Inondazioni in Kenya: 6 morti e 600 turisti evacuati

(Nairobi, Kenya - 5/3/2010)

Le piogge torrenziali che da qualche giorno si abbattono sul Kenya stanno causando inondazioni di portata devastante. Ieri il fiume Ewaso Nyiro ha rotto gli argini e un muro di acqua fangosa ha ricoperto la riserva faunistica di Samburu, un parco a nord di Nairobi che ospita migliaia di animali selvatici e diversi lodge turistici di lusso.
600 turisti sono stati evacuati dai resort di Samburu e di Isiolo; alle operazioni di salvataggio hanno partecipato la Croce Rossa, la polizia, il personale del Kenya Wildlife Service, volontari, residenti e l'esercito britannico. Dozzine di turisti si sono salvati proprio grazie all'arrivo degli elicotteri; "la maggior parte degli ospiti sono stati costretti ad arrampicarsi sugli alberi mentre aspettavano", ha detto una guida alla BBC. Secondo il tenente Nick Cowen della RAF, inondazioni come queste non si erano mai viste prima.
Le acque hanno sommerso e distrutto completamente il Samburu Serena Lodge e almeno altri due safari lodge situati sulle sponde del fiume. Letti, tende e pezzi delle strutture sono stati spazzati via e trascinati a valle; poi il livello dell'acqua si è abbassato e il terreno si è cosparso di arbusti fangosi. Tra i turisti non si segnalano vittime; alcuni sono stati trasportati a Nairobi, altri trasferiti in complessi turistici sicuri.
Sarebbero invece sei i morti confermati finora dalla Croce Rossa tra i residenti; tre bambini annegati nel distretto di Marsabit e tre adulti spazzati via dalle inondazioni a Nakuru e a Mogotio. Almeno 120 le case sommerse e centinaia gli sfollati.
La piena ha travolto anche l'Elephant Watch Camp, una stazione di ricerca situata nel Samburu; il personale della struttura è riuscito a mettersi in salvo ma l'intero impianto è andato distrutto e ci vorranno centinaia di migliaia di dollari per ricostruirlo.
La Croce Rossa è tuttora impegnata nella ricerca dei dispersi e nello sforzo di portare soccorso alle popolazioni del nord del paese colpite dalle inondazioni. Le forti piogge dei giorni scorsi, che secondo i meteorologi sarebbero una conseguenza del fenomeno de El Niño, arrivano dopo due anni di siccità che, a loro volta, hanno causato la perdita di vite umane e un'alta mortalità degli animali, soprattutto nelle regioni settentrionali più secche del Kenya.
Il dipartimento meteorologico avverte che nei prossimi mesi il Kenya dovrà fare i conti con l'aumento delle precipitazioni; la lunga stagione delle piogge, che di solito in Africa orientale va da marzo a fine maggio, è appena cominciata.



Leggi anche: Kenya, zebre e gnu per sfamare i leoni di Amboseli

line

     
     
     


Hai un sito o un blog? PaesiTropicali.com ti è piaciuto? allora regalaci un Link
Con il tuo aiuto il nostro portale diventerà sempre più utile e interessante. Grazie.


line line