Sei in: Storie dai Tropici --> Isole Cayman e Giamaica alle prese con l'invasione dei granchi
line

Storie dai Tropici

Isole Cayman e Giamaica alle prese con l'invasione dei granchi

(George Town, Grand Cayman - 18/5/2012)

Un esercito di centinaia di migliaia di granchi ha conquistato spiagge, strade e giardini delle Cayman, il piccolo arcipelago caraibico tra Cuba e la Giamaica. I turisti e i residenti che vivono sulla costa, quasi tutti in realtà, se li trovano in giro dappertutto: entrano nelle case, strisciano sui davanzali, si infilano nei condotti dell'aria condizionata e in ogni pertugio possibile.

Le autorità locali hanno raccomandato la massima attenzione alla guida e chiedono alla gente di far di tutto per non investirli. Ma è come un campo minato, e con tutta la buona volontà è praticamente impossibile non schiacciare questi animaletti.

Con l'approssimarsi della stagione delle piogge i granchi di terra dei Caraibi, conosciuti nei territori britannici con il nome comune di black land crab (cangrejo a Cuba), tornano ogni anno in mare per deporre le uova. La migrazione di massa dei piccoli crostacei non è spettacolare come quella compiuta dai loro cugini di Christmas Island, ma a volte può assumere portate eccezionali.

In realtà questa invasione di campo non è dovuta alle femmine che tornano in mare ma ai piccoli appena nati che, favoriti da una giusta combinazione di correnti, venti e maree, sbarcano a tonnellate. E come soldatini agguerriti cercano il proprio posto nel mondo. Questi granchi da piccoli hanno un colore rosso acceso e non sono più grandi di un unghia del pollice; da adulti invece arrivano a misurare fino a 30 centimetri e il loro carapace diventa viola scuro.

In Giamaica sta accadendo lo stesso fenomeno: la spiaggia di Negril, la famosa seven-mile beach, è letteralmente invasa da milioni di piccoli granchi che cercano una strada per entrare nelle aree umide dove andranno a rintanarsi. Gli animaletti si vedono il cammino sbarrato dall'interminabile fila di hotel che si affacciano sulla spiaggia e in più c'è una nuova strada da attraversare. Conclusione, tutti in albergo.
Qualche albergatore, forse impietosito dalla scena forse spinto dalle lamentele dei turisti, ha posizionato sacchi e reti da pesca per catturare i piccoli crostacei e poi rilasciarli nella palude al di là della strada.

“E' un fenomeno ciclico qui a Negril - spiega un biologo del National Environment and Planning Agency - ma questi animali sono anche indicatori ambientali e una migrazione di tale portata potrebbe anche essere un segnale negativo”.

Alle Cayman i granchi di terra sono chiamati 'crabs hurricane' perché una superstizione piuttosto diffusa mette in relazione la loro presenza con l'arrivo degli uragani. Non c'è alcun fondamento scientifico, ma secondo qualcuno il fenomeno andrebbe studiato. Comunque niente paura, finora le previsioni dicono che la la stagione degli uragani 2012 sarà meno intensa degli anni precedenti. Granchi a parte.

Altri dettagli: The Gleaner

Schede PaesiTropicali.com: Giamaica


line

     
     
     


Hai un sito o un blog? PaesiTropicali.com ti è piaciuto? allora regalaci un Link
Con il tuo aiuto il nostro portale diventerà sempre più utile e interessante. Grazie.


line line