Sei in: Storie dai Tropici --> I Guardiani delle Patate
line

Storie dai Tropici

I Guardiani delle Patate

(Lima, Perù - 18/2/2011)

Le comunità indigene della Valle Sacra degli Incas sono decisi a tutto, pur di preservare la diversità della loro più antica e importante coltura: la patata.
Le Ande peruviane sono l'habitat di oltre 4.000 varietà di patata, diverse per forma, dimensione e colore. Negli ultimi decenni c'è stato un drastico calo nella coltivazione delle varietà autoctone: i cambiamenti climatici, gli insetti nocivi e le malattie mettono a serio rischio alcune patate peruviane, che sono sul punto di scomparire.

Per tutelare il futuro dei tuberi e garantirne la disponibilità anche alle generazioni future, sei comunità Quechua di Cusco hanno preso accordi con il Global Crop Diversity Trust, l'ente non profit che dal 2008 gestisce il Deposito Sotterraneo Globale dei Semi, una sorta di Arca di Noè dove diverse nazioni hanno già accumulato sementi a rischio di estinzione.
La banca del seme si trova nell'arcipelago norvegese delle isole Svalbard, sul circolo polare artico a 130 metri sotto il livello del mare: scavato nella roccia arenarica e protetto da uno spesso strato di permafrost, il deposito garantisce al back up delle specie vegetali una sopravvivenza di centinaia, forse migliaia di anni.

“La patata peruviana è in pericolo; la banca del seme è stata costruita per la comunità mondiale e noi abbiamo intenzione di utilizzarla." ha dichiarato Alejandro Argumedo, attivista sociale e ricercatore presso il Parque de la Papa di Cusco, un progetto nato dalla volontà delle comunità indigene di salvaguardare la biodiversità e tutelare la sicurezza alimentare della regione.

Il Parco della Patata, nel quale lavorano circa seimila indigeni, occupa 10.000 ettari di terra nei pressi di Cusco, nella zona in cui la pianta è stata domesticata e si è poi diffusa in Sud America e nel resto del mondo; sulle Ande peruviane la patata è consumata da oltre 8.000 anni e gioca un ruolo fondamentale nella cultura regionale.
Tuttavia, il futuro del parco e quello dei contadini è incerto, poiché la frequenza con cui si presentano eventi climatici estremi minaccia i tradizionali metodi di coltura.
Nei prossimi due anni i “Guardiani delle Patate” spediranno i loro campioni al freddo e metteranno al sicuro dalle calamità naturali e dall'impatto antropico 1.200 varietà di patata peruviana.

Altri dettagli su: Peru.com
Schede PaesiTropicali.com: Perù


line

     
     
     


Hai un sito o un blog? PaesiTropicali.com ti è piaciuto? allora regalaci un Link
Con il tuo aiuto il nostro portale diventerà sempre più utile e interessante. Grazie.


line line