Sei in: Storie dai Tropici --> Turista aggredito a Tahiti, il Presidente in persona si scusa
line

Storie dai Tropici

Turista aggredito a Tahiti, il Presidente in persona si scusa

(Papeete, Polinesia francese - 10/7/2011)

Un giovane turista in vacanza in Polinesia francese è stata aggredito e rapinato da tre uomini la settimana scorsa a Papeete, sull'isola di Tahiti. Fatti simili accadono in tutto il mondo, nelle nostre città come all'estero. Ma la storia di Patrick Dennis, irlandese, è singolare e merita di essere raccontata.

Subito dopo l'aggressione il turista veniva accompagnato al pronto soccorso per i controlli. I medici hanno suturato una leggera ferita sulla fronte e dopo qualche ora Patrick è rientrato in hotel.
Appresa la notizia, il presidente della Polinesia francese Oscar Temaru, ha voluto incontrare il turista, per scusarsi dell'accaduto a nome di tutti i polinesiani.
Così ha invitato Patrick a colazione e si è rassicurato sulle sue condizioni di salute. Presentando le sue scuse al giovane turista, il Presidente ha garantito l'assistenza dell'ufficio turistico per una vacanza come si deve. “E' una vergogna, la violenza è inaccettabile, soprattutto se rivolta ad uno straniero di passaggio, ospite della nostra terra” avrebbe dichiarato il Presidente in un successivo comunicato stampa.

Ma non è finita qui. Qualche giorno dopo, come da programma, l'ignaro Patrick ha preso l'aereo per andare a passare qualche giorno sull'isola di Huahine e all'arrivo in aeroporto ha trovato ad accoglierlo il direttore del Relais Mahana, che si è nuovamente scusato e ha offerto al turista 3 giorni di soggiorno gratis nel suo hotel. Tutti si sono adoperati per far dimenticare il triste incidente: un operatore locale ha offerto a Patrick un giro dell'isola di una giornata in piroga. Domani il turista volerà alle Marchesi: chissà che a Hiva Oa non lo attenda qualche altra piacevole sorpresa.

A proposito, la polizia di Papeete, intervenuta immediatamente sul luogo dell'aggressione, ha arrestato i malviventi il giorno stesso; gli imputati sono già comparsi davanti al giudice, che li ha condannati a tre anni di carcere e al pagamento delle spese, pari a 500.000 franchi pacifico (circa 4,200 euro).
In Polinesia non è tutto oro quel che luccica, la gente ha i suoi problemi, ma la criminalità non è tra questi.

Altri dettagli su: Tahiti Presse
Schede PaesiTropicali.com: Polinesia francese

line

     
     
     


Hai un sito o un blog? PaesiTropicali.com ti è piaciuto? allora regalaci un Link
Con il tuo aiuto il nostro portale diventerà sempre più utile e interessante. Grazie.


line line